Esercizi vecchi e nuovi [G. Bemporad]

Esercizi vecchi e nuovi

di Giovanna Bemporad 

Luca Sossella editore

a cura di Valentina Russi

128 pagine

12 euro

A sessantatré anni dall’uscita di Esercizi. Poesie e traduzioni, Giovanna Bemporad si è finalmente persuasa a riconoscere quello che autorevoli interventi critici, disseminati lungo questo notevole arco temporale, hanno da sempre sostenuto: i suoi versi originali hanno una loro propria preziosa voce, che per essere meglio apprezzata necessitava dell’affrancamento dalle bellissime e ingombranti traduzioni. [...] Rispetto alle precedenti edizioni molte sono le poesie aggiunte e non trascurabile è il numero delle varianti apportate ai testi già editi. Dalla nota di Valentina Russi

 Giovanna Bemporad (Ferrara, 1928) è una poetessa e traduttrice italiana. Ragazza ebrea, figlia di un importante avvocato, fu studentessa del liceo “Galvani” di Bologna e allieva di Leone Traverso, Carlo Izzo e Mario Praz, nonché amica di Camillo Sbarbaro, Cristina Campo, Fabio Mauri e Pier Paolo Pasolini (con il quale passò il periodo della guerra nei dintorni di Casarsa). Ha esordito appena adolescente con una traduzione in endecasillabi dell’Eneide di Virgilio. I suoi versi furono raccolti per la prima volta nel 1948 nel volume Esercizi e ripubblicati, con numerose aggiunte nel 1980 da Garzanti (con un risvolto di Giacinto Spagnoletti). In due successive edizioni, nel 1968 e nel 1970, uscirono per le edizioni Eri i più bei canti dell’Odissea; nel 1983 Rusconi stampò un ampio florilegio dell’Eneide virgiliana. Nel 1990 la casa editrice fiorentina Le Lettere ha pubblicato (ristampandola nel 1992) l’opera a cui la Bemporad ha dedicato tutta la vita: la stesura definitiva in endecasillabi non ancora completa, dell’Odissea con la quale ha vinto nel 1993 il Premio nazionale per la traduzione letteraria istituito dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Un’edizione scolastica della stessa è uscita nel 2003 presso Einaudi una ristampa di Le lettere è poi uscita nel 2004

Fondazione Premio Napoli

La Fondazione Premio Napoli è un Ente morale, costituito con D.P.R. 5 giugno 1961.
Lo scopo della Fondazione è quello di incoraggiare la produzione culturale italiana e, soprattutto, di favorire la lettura e il dibattito culturale e civile nella città, nella provincia e nell’intera area regionale, disponendole e incoraggiandole, con adeguati strumenti organizzativi, al dialogo con il resto del mondo e, in particolare, con i paesi che si affacciano sul Mediterraneo.
La Fondazione promuove la ricerca nel campo della letteratura e, in generale, delle scienze umane e sociali e si adopera per la promozione dell’immagine internazionale della città di Napoli e dell’intero territorio Campano.

-> DECRETO LEGISLATIVO "TRASPARENZA", 14 marzo 2013, n. 33

-> Piano triennale di prevenzione della corruzione (P.T.P.C.) 2016-2019

Iscriviti alla newsletter

Inserisci qui lil tuo indirizzo

E-mail:

Iscriviti
Cancella l\'iscrizione