Turbativa d’incanto [J. Insana]

Turbativa d’incanto

di Jolanda Insana

Garzanti

144 pagine

16,60 euro

OPERA VINCITRICE 2012 – POESIA
MOTIVAZIONI

“Turbativa d’incanto è un opera di grande qualità, sia per i temi civili che attraversano le pagine e incrociano una soggettività turbata, sia per l’andamento dialogico. Lo stile è omologo ai temi : tecnicismi, recuperi di termini antichi, voci del parlato costituiscono un impasto linguistico di grande energia e singolarità.”

Turbativa d’incanto è titolo polisemico, come sempre i cartigli che Jolanda Insana pone ai suoi libri, abitati dallo stratificarsi di emozioni private e pubblici orrori. La turbativa d’asta è il ritmo della vita, con il suo «incanto» pericolante in una soggettività turbata da scissioni a strati: psicologiche, sociali e politiche, vissute nelle «estreme periferie del lutto». Di qui l’andamento perlopiù a due voci, la siciliana sciarra o battibecco tra il sé superficiale e quello profondo nella sezione La bestia clandestina, il dibattito tra l’io e il simulacro di una alterità paranoica, presa nella tagliola del disamore, di altre parti del libro. L’idiota sottostante, Caràmbola, La màndola della melancolia sono poemetti o stazioni di un percorso mentale e vocale, che forza i limiti della parola ricorrendo ai diversi settori della lingua, sollecitandoli in tecnicismi, neologismi o recuperi dell’antico. Mai compiaciuto o manieristico l’impasto, perennemente alla ricerca di ritmi e fonìe graffianti, aperto alle latitudini di ciò che infesta la coscienza: il carcere di Baghdad, i Buddha giganteschi distrutti in Afghanistan, le alture del Golan dove i megafoni portano da villaggio a villaggio brandelli di conversazioni e affetti stroncati. (Maria Antonietta Grignani)

Jolanda Insana (Messina, 1937), pubblicista e traduttrice, ha insegnato nei Licei e all’Università. Dal 1968 vive a Roma. Ha raccolto i suoi libri precedenti nel volume Tutte le poesie (1977-2006) (Garzanti 2007).  Ha tradotto Poesie di Saffo (1985), Per diritto di memoria di Aleksandr Tvardovskij (1989), Carmina Priapea (1991), De amore di Andrea Cappellano (1992), e per il teatro La passione di Cleopatra di Ahmad Shawqi (1989) e La Casina di Plauto (1991).

Articoli Collegati:

Fondazione Premio Napoli

La Fondazione Premio Napoli è un Ente morale, costituito con D.P.R. 5 giugno 1961.
Lo scopo della Fondazione è quello di incoraggiare la produzione culturale italiana e, soprattutto, di favorire la lettura e il dibattito culturale e civile nella città, nella provincia e nell’intera area regionale, disponendole e incoraggiandole, con adeguati strumenti organizzativi, al dialogo con il resto del mondo e, in particolare, con i paesi che si affacciano sul Mediterraneo.
La Fondazione promuove la ricerca nel campo della letteratura e, in generale, delle scienze umane e sociali e si adopera per la promozione dell’immagine internazionale della città di Napoli e dell’intero territorio Campano.

-> DECRETO LEGISLATIVO "TRASPARENZA", 14 marzo 2013, n. 33

-> Piano triennale di prevenzione della corruzione (P.T.P.C.) 2016-2019

Iscriviti alla newsletter

Inserisci qui lil tuo indirizzo

E-mail:

Iscriviti
Cancella l\'iscrizione